EUROPAFRANCIA

MONTMARTRE – Un giro tra le vie di artisti e la basilica di Sacrè Coeur

Cuori Ribelli1768 views

 

Eccola, in tutta il suo splendore… ti accoglie dall’alto dopo aver percorso con fatica trecento scalini, come la regina della collina, è la bellissima Chiesa del Sacré  Coeur… incantevole, brilla distinguendosi in maniera netta dal cielo azzurro, misto bianco, per le nuvole che si muovono al ritmo del vento…

Sacré Coeur

La basilica si trova nella famosa zona di Montmartre, a Parigi, ed è caratterizzata dal suo stile franco e bizantino, con la sua torre dall’aspetto “foruncoloso” e una cupola che sembra quasi un cono gelato… si integra completamente con il profilo urbano della città e spicca forse per la sua struttura, o, forse per la sua posizione rialzata se osservate il panorama dall’alto della Tour Eiffel.

Il famoso poeta parigino Jacques Roubaud disse che la basilica, per la sua forma, si poteva paragonare ad un enorme biberon per gli angeli, e se, la si osserva bene, e si usa un po’ di immaginazione, la somiglianza si nota veramente.

Non è solo la basilica del Sacré Coer ad essere splendida, ma è anche tutto il contorno che l’adorna, come il verde che la circonda quasi fosse un foulard al collo, che rende il quadro unico.

Montmatre negozi

Pur essendo una delle principali attrazioni turistiche di Parigi, Montmartre conserva un’atmosfera tranquilla, quasi appartata, dalle sue origini rurali. Venne infatti annessa a Parigi solo nel XIX secolo e accolse tutta quella parte della popolazione povera, sfrattata dalle proprie abitazioni dal programma urbanistico di Haussmann. Il suo periodo di massimo splendore fu alla fine dell’Ottocento e la prima guerra mondiale, quando gli affitti bassi e il fascino rimasto rustico, attirarono una miriade di artisti.

Quartiere Montmatre

La fisionomia del quartiere è cambiata pochissimo con il tempo, anche per la costituzione del suolo che essendo molto instabile non permette la nascita di nuove costruzioni ed edifici.

Se percorrete la Rue des Martyrs, noterete che il cuore del quartiere si trova proprio qua, sopratutto la domenica, quando è fatto divieto alle automobili dei non residenti di transitare. La graziosa Place des Abbesses è una alberata piazza del paese, dove è possibile prendere anche la metropolitana. Qui e nella via che abbiamo menzionato poco fa, troverete piccoli negozi dove poter fare acquisti, ristoranti e numerose panetterie artigianali dove allietare i vostri palati. Non venite però in questo quartiere di Parigi il lunedì perché la maggioranza dei negozi sono chiusi.

La collina di Montmartre invece, si trova a 130 metri sul livello del mare, ed è considerata anche il punto più elevato di Parigi, si dice che il nome derivi da origine romane e significhi “monte dei martiri”. Se avete dubbi su come salire nella collina, vi basterà prendere una qualsiasi delle vie in salita, potrete farlo a piedi o con l’attrezzata funicolare.

funivia

Esistono anche percorsi alternativi per salire la collina, una di questi è anche quella di salire percorrendo la Rue Lepic, passando davanti al Moulin de la Galette, l’ultimo mulino rimasto degli oltre quaranta mulini a vento di Montmartre, immortalati da Renoir nel celebre “Ballo al Moulin de la Galette” oggi conservato al Musée d’Orsay.

Le vie dei dintorni abbondano di riferimenti artistici e letterari, infatti geni artistici come Zola, Degas e Van Gogh abitarono in zona, nel 1904 anche Picasso allestì qui, il suo studio, in una vecchia fabbrica di pianoforti. Qui dipinse e condivise amori, discussioni e oppio con Apollinaire e altri personaggi famosi.

Così racconta la bella Fernande, modella e amante di Picasso”Io sorrisi”, disse lei, “e lui mi accompagnò a vedere il suo studio”, nel vecchio edificio che è andato distrutto qualche anno fa.

Nel cimitero di Montmartre, a ovest della collina, riposano molti personaggi illustri, tra cui il pittore Degas e il grande scrittore Emile Zola.

Se volete un ricordo romantico della collina, non potete non salire in cima e lasciarvi ai piedi le bancarelle di souvenir, la via che trabocca di turisti e artisti di strada che dipingono orribili quadri ad olio raffiguranti Parigi… una volta in cima, sarete in alto, quasi come sulla Torre Eiffel e ammirerete con stupore la splendida vista dei colli, dei grattaceli e dei palazzi rinascimentali.

Lascia un commento