MESSICO

L’ultima famiglia Maya

Cuori Ribelli3070 views

Nelle terre a pochi kilometri dal sito archeologico di Cobà nello stato di Quintana Roo, in Messico, vive l’ultima famiglia Maya, lontano dalla civiltà, in delle capanne di legno, senza comodità, ne internet… la donna anziana prepara le Tortilla, vicino ad un braciere… mentre i bambini giocano con gli animali selvatici… in questi luoghi sembra che il tempo si sia fermato e gli osserviamo cercando di apprendere un po’ della loro cultura… il loro stile di vita, lontano dalla frenesia del mondo occidentale… in un mondo per noi sconosciuto ma che ci affascina, perché oramai dimenticato e lontano dalle nostre abitudini…

MEXICO 3

La popolazione Maya era molto bassa di statura, lo notiamo avvicinandoci a loro… gli uomini e le donne non superavano il metro e venti di statura.

MEXICO 32

I Maya credevano negli Dei ed erano studiosi di astronomia, scrittura e matematica.

MEXICO 08

A questa popolazione affascinante si devono i numerosi centri urbani sparsi in tutto il Messico, tra cui Uxmal, Chichén Itzà, Palenque e tanti altri… se vi trovate da queste parti non potete non visitarli…

Chichén Itzá  è un importante complesso archeologico Maya situato in Messico, nella penisola dello Yucatan. Le rovine appartenevano a una grande città che fu uno dei più importanti centri della della civiltà maya, fra il VI e l’XI secolo.

Il sito comprende  la piramide di Kukulkan, l’osservatorio astronomico e il Tempio dei guerrieri. Il sito venne dichiaratonel 1988 patrimonio dell’umanità dell’Unesco e comprende numerosi e raffinati edifici in pietra, in vario stato di conservazione; alcuni erano adibiti a luogo di culto, altri erano palazzi di rappresentanza. Vi si trovano anche due grandi cenotes ed un campo per il gioco della pelota tra i più grandi e meglio conservati dello regione dello Yucatan.

MEXICO

Il centro di Chichén Itzá è dominato dal tempio di Kukulkan, chiamato anche El Castillo,  una delle piramidi più famose, purtroppo a causa di un incidente è impossibile salirci in cima, ma questo potrete farlo nella piramide di Cobà e rimarrete incantati dallo spettacolo che potrete ammirare una volta arrivati sulla cima…

Piramide di Cobà                                                                          ( Immagine della piramide di Cobà)

Agli  equinozi di primavera e d’autunno, al calare e al sorgere del sole, gli angoli della piramide di Chichén Itzá, proiettano un’ombra a forma di serpente piumato, lungo la scalinata… ed è per questo che molti visitatori vengono in questo periodo da ogni parte del mondo.

gioco della palla, campo

Gli archeologi hanno identificato a Chichén Itzá sette campi per il gioco della palla, il maggiore dei quali è situato circa 150 metri a nord-ovest del Castillo, questo gioco era molto praticato dai Maya.

Alla base dei muri interni sono situati schienali obliqui con pannelli scolpiti che rappresentano le squadre dei partecipanti al gioco. In uno dei pannelli un giocatore è raffigurato decapitato e dalla ferita si dipartono sette fiotti di sangue, sei prendono la forma di serpenti mentre quello centrale diventa un albero… si racconta che le squadre perdenti venivano uccise e sacrificate agli Dei.

Nel sito vi è anche un osservatorio astronomico, con le porte allineate con la posizione del sole all’equinozio di primavera, con i punti delle massime declinazioni nord e sud della luna e altri eventi astronomici sacri a Kukulkan, il serpente piumato dio del vento e della conoscenza. I Maya determinavano il momento dei solstizi per mezzo delle ombre proiettate dal sole all’interno della struttura.  L’osservazione delle stelle che vi si riflettevano aiutava gli astronomi Maya a determinare il loro calendario.

Cenote

Se vi trovate nella penisola dello Yucatan unaltra cosa da non perdervi è il Cenote un profondo lago o pozzo naturale dove è possibile tuffarsi… in passato queste grotte con acqua in abbondanza hanno permesso l’insediamento Maya in queste terre piuttosto aride.

 

 

Lascia un commento