ITALIAToscana

FIRENZE LA VECCHIA SIGNORA

Cuori Ribelli1430 views

Firenze è un po’ come una vecchia signora, continua ad abbigliarsi secondo la moda in voga l’ultima stagione che l’ha vista giovane. Firenze si presenta fieramente, con la sua inconfondibile e ammirevole veste rinascimentale.

La città rimane la culla dello spirito classico, anche se con il tempo sono dilagati stili gotici e rinascimentali, il suo futuro rimane sempre e comunque improntato al rispetto reverenziale del proprio passato.  Lo stemma della bellissima Firenze è composto da tre sfere rosse su uno sfondo uniforme. Una città che sembra avere avuto due storie, quella fiera e bellicosa dell’età medievale e quella elegante e splendente della signoria dei Medici.

Il Ponte Vecchio è il più antico della città di Firenze e sorge nel tratto più stretto dell’Arno, si dice che anche le prime notizie sulla struttura risalgono al X secolo, in realtà esistesse già in epoca romana per permettere il passaggio dalla via Cassia. Il ponte negli anni è andato più volte distrutto dalle piene dell’Arno, ma con la solida ricostruzione del 1345 è arrivato fino ai giorni d’oggi. In passato le botteghe che si trovavano ai lati del ponte furono affidate ai beccai, solo successivamente vennero sfrattati per gli odori che si elevavano dalle macellerie e i negozi diventarono  di orefici e argentieri. Ancora oggi risiedono gioiellerie prosperanti al centro del ponte.

Santa Maria Novella sorge sull’area di un antico oratorio in cui nel Duecento si stabilirono i frati domenicani, i quali costituirono la Chiesa annettendovi un convento. La facciata integra lo stile toscano con i marmi bianchi e verdi, alla classicità romana data dal portale ad arco trionfale. Ma ad affascinare non è solo la facciata, colpiscono anche i notevoli capolavori rinascimentali al suo interno, come l’affresco della Trinità del 1427.

La basilica di Santa Maria del Fiore spicca dal resto della città in tutta la sua maestosità, costruzione gotica che simboleggia il pieno della fioritura economica della città nel periodo in cui fu commissionata, nel 1294, anche se terminata centinaia di anni dopo.  La cupola, così ampia da coprire tutto il popolo toscano, fu ideata dal grande architetto Filippo Brunelleschi. All’interno si trovano i monumenti equestri di due condottieri di ventura, Nicolò Tolentino e Giovanni Acuto.

A Giotto, si deve invece il campanile, progettato come una torre originale per l’epoca, a pianta quadrata, cromaticamente alleggerita dal bianco marmo di Carrara alternato da quello rosso di Siena e al verde di Prato.

Semplice, disadorna e tanto grande da accogliere le orde di fedeli è la chiesa di Santa Croce commissionata a Arnolfo di Cambio nel 1295.

Non lontana la Piazza della Signoria, dove continuamente si affollano i turisti ad ammirare il Palazzo Vecchio, la cui realizzazione è sempre stata affidata ad Arnolfo di Cambio nel 1299, quindi poco dopo la chiesa di Santa Croce, svetta la torre per 94 metri su tutte le emergenze urbane. Di fronte alla facciata, le statue della Giuditta di Donatello e il David di Michelangelo. Bellissimo il salone al suo interno dove collaborarono per la realizzazione artisti come Leonardo e Michelangelo.

Il lungo loggiato architravato degli Uffizi, che da Piazza della Signoria corre ad affacciarsi sull’Arno, costituisce una scenografia inconfondibile ed emblematica della reggenza medicea all’apice del suo potere.

Gli uffizi vengono progettati per ospitare gli uffici delle magistrature fiorentine, ma ben presto accolgono anche i laboratori artistici e artigiani granducali, nonché una raccolta ed esposizione di opere d’arte che in breve tempo prevarrà sulle altre destinazioni. Qui è conservata anche la bellissima Primavera di Sandro Botticelli dipinta nel 1481.

Tra i palazzi di Firenze, costruiti come simbolo della ricchezza di un tempo, vi è il maestoso Palazzo Pitti, creato per il mercante rivale dei Medici, il quale ostentò il proprio potere con questa residenza maestosa. Una struttura squadrata e rivestita in bugnato che si erge isolata di fronte ad una grande piazza, ottenuta espropriando e demolendo le costruzioni circostanti. Oggi nelle sale barocche e neoclassiche sono alloggiati alcuni dei più importanti musei fiorentini: La Galleria di arte moderna, Il Museo degli Argenti, la Galleria del Costume e La Galleria Palatina. Altri Palazzi del 1400 e 1500 sono il Palazzo Strozzi, Palazzo Rucellai, a pochi passi dalla Chiesa di Santa Maria Novella.

Piena di vita, di arte, di turismo che viene da ogni parte del mondo per assaggiare la storia e non solo… anche le delizie della cucina Toscana come la famosa bistecca fiorentina e i vini rossi prodotti in regione.

Se vi trovate nella bellissima Toscana e volete dei consigli su dove trascorrere delle indimenticabili ESPERIENZE DI COPPIA, leggete anche i nostri articoli sulle Terme di Chianciano e le Piscine Theia !

 

Lascia un commento