CUBA

AVANA- La metropoli colorata dei Caraibi

Cuori Ribelli1836 views

All’Avana non ci si annoia… è una metropoli colorata, vivace, circondata dal mare dei Caraibi… affascinante per i suoi palazzi di grande stile architettonico spagnolo, oramai decadenti  e sgretolati ma che ancora mostrano la loro grande imponenza.

macchine cubane

Ai bordi delle strade si susseguono bancarelle e chioschi che vendono street food, la musica cubana si sente ad ogni angolo, dalle finestre delle case, ai locali nel centro storico… ma la vera attrazione sono le grosse e colorate macchine americane di un tempo che girano per le strade… oggi i privati le esibiscono offrendo servizi di taxi anche abbastanza costosi.

Avana centro

L’ Avana conta tre milioni di abitanti ed è dal 1982 Patrimonio dell’Unesco… ma la vera attrazione della città è la storica città vecchia ( Habana Veja)… stretti vicoli tra gli alti edifici barocchi e neoclassici, si passeggia sulle antichissime pietre della pavimentazione attraverso le piazze dove i borghesi benestanti un tempo parcheggiavano le loro carrozze… oggi le carrozze ci sono ancora ma accompagnano i turisti a tour guidati della città.

Palazzo Avana

La città vecchia è un monumento vivente all’ascesa dell’Avana, qui ogni epoca ha lasciato le sue tracce La Plaza de Armas, il Castillo de Real Fuerza e le strade Los Oficios e Los Mercaderes risalgono al XVI secolo quando gli Spagnoli  si erano insediati come governatori dell’isola… a quel tempo Cuba era il maggiore fornitore di zucchero al mondo e gli spagnoli vivevano in condizioni di prosperità economica e costruirono splendidi palazzi ornati da lunghi balconi in legno e portali principeschi.

Castello del moro

Il Castello del Moro fu edificato dagli spagnoli per difendere le loro ricchezze dai pirati, costruito dall’italiano Battista Antonelli, oggi si può visitare dalle 10 alle 18 pagando un biglietto.

vista Avana

Ma uno spettacolo da non perdere è la bellissima vista che da qui si può ammirare, gustandovi anche una buonissima pina colada, cocktail tipico cubano che si trova nelle bancarelle a pochi passi, ai bordi della strada.

mercatino castello

Ai piedi del castello un divertente mercatino, che per lo più vende oggetti dedicati al coraggioso e rivoluzionario Ernesto Che Guevara.

Plaza des armas

Calle Obisco è una graziosa via che attraversa la città vecchia, dal Parque Central piazza sfarzosa a pochi passi dal Capitolio, ex camera dei deputati, fino a Plaza de Armas.

Un tempo questa via era la principale via commerciale cubana, oggi i cubani passeggiano tra bar, caffè, ristoranti e negozi.

Ambos mundos

Se vi trovate qui dovete d’obbligo fare una visita all’hotel Ambos Mundos dove amava alloggiare il grande scrittore americano Ernest Hemingway, alle pareti dell’hotel potrete ammirare le foto che ritraggono lo scrittore.

Ernest Hemingway

A pochi passi dell’hotel sicuramente da vedere è l ‘antica farmacia recentemente ristrutturata, tutta rigorosamente in legno, dai medicinali rinchiusi nelle ampolle decorate.

farmacia Avana

Parque Central è punto d’incontro turistico d’eccellenza, qui sostano i taxi colorati e i tuk tuk, in questa piazza due degli hotel più famosi dell’Havana, Hotel Parque Central e Hotel Inglaterra diventato famoso perché scenario di un film di Antonio Banderas.

hotel Ingleterre

A pochi passi vi è anche un museo della santeria, Museo de las Orishas e l’antica sede della dinastia prerivoluzionaria dei Bacardì del rum, l’Edificio Bacardì, che nel 1930 venne abbandonato durante la rivoluzione e divenne proprietà dello stato cubano.

mercatini plaza de Armas

Nella Plaza de Armas, tra gli antichi edifici si apre un grazioso mercatino di libri di antiquariato e si susseguono artisti improvvisati… bellissima anche la Plaza de la Catedral dove domina l’affascinante chiesa dalla facciata in pietra di calcare iniziata nel 1748 dai gesuiti e terminata dagli spagnoli dopo la fuga dei primi.

Cattedrale Avana

Vicino a questa piazza potrete gustarvi un gustoso Mojito alla Bodeguita Del Medio e ascoltare la mitica salsa cubana.

Bodeguita del Medio

Plaza de San Francisco è stata recentemente restaurata, godetevi la vista dalla chiesa di San Francisco  e poi dirigetevi verso il Museo del Rum che si trova a pochi passi.

Plaza san Francisco

Uno dei più grandi musei del centro è il Museo de la Revoluciòn, al suo interno oltre alle riproduzioni dei combattenti Che Guevara e Cienfuegos, il Memorial Granma, l’omonima barca lunga 18 cm con la quale i ribelli sbarcarono sull’isola nel 1956.

Museo della Revolution

La sera, la passeggiata che costeggia il porto, si anima di persone e di innamorati, non a caso si chiama il molo degli enamorados perché qui vengono le coppiette ad abbandonarsi ad effusioni, da qui si può anche ammirare la bellissima scultura del cristo…

Statua del Cristo Avana

Verso ovest, costeggiando la costa, si arriva al quartiere Vedado, costruito nel XIX secolo secondo concezioni urbanistiche moderne, qui spiccano i regolari palazzi, a nostro avviso un po di cattivo gusto, costruiti dai Russi.

palazzi Russi

Il tour inizia e finisce sopratutto visitando gli hotel più che i monumenti,  l’unico luogo che un po sorprende è il maestoso cimitero Colòn dove tra le tombe vi è anche quella del fotografo di Ernesto Che Guevara.

porto Avana

Proseguite verso la strada più elegante dei Caraibi, la Quinta Avenida, una strada in salita dove ai lati le ville più chic dell’Avana, nel quartiere Miramar si dice che tra queste case viva anche Fidel Castro, ma per motivi di sicurezza le guide che accompagnano i turisti non possono specificare dove.

Ma l’Avana non finisce di sorprendere e est del centro, meta preferita degli abitanti nel fine settimana è la Playa del Este, una spiaggia lunga quasi 60 kilometri che si può raggiungere se si ha pazienza con autobus locali, che però non si sa quando e a che ora passino, ma vi assicuro che esistono perché noi l’abbiamo preso o se preferite andare nel sicuro prendete un taxi.

A sud della città invece, l’affascinante villa di Ernest Hamingway, acquistata nel 1940 dallo scrittore… oggi museo visitabile, un’immersione nella vita del personaggio… tra trofei di caccia, libri, foto e documenti, il tutto, rimasto intatto come allora.

 

 

Lascia un commento